Consulenza

La consulenza in materia di igiene e sicurezza sul lavoro

Costituisce uno dei punti di forza delle i-Dent grazie all'esperienza maturata negli anni, alla professionalità e preparazione delle nostre risorse, alle metodiche consolidate e costantemente aggiornate, oltre che alla proposta di strumenti informatici specifici, capaci di ottimizzare le registrazioni previste, garantendo maggior efficacia ed efficienza nella gestione delle attività.

i-Dent, per tutti i fattori citati, è specializzata nella gestione di "progetti in ambito sicurezza", ed è in grado di erogare servizi di consulenza che garantiscano non solo l'ottemperanza ai requisiti di legge, ma anche l'ottimizzazione delle attività/processi inerenti l'oggetto del servizio.

Il d.lgs.81/2008 (che ha abrogato il d.lgs.626/94), nonchè tutta la normativa vigente in materia di tutela della salute e per la sicurezza dei lavoratori, prescrivono obblighi a carico del datore di lavoro in ottica di prevenzione degli infortuni, nonchè di qualsiasi conseguenza negativa sulla salute e la sicurezza del lavoratore connessa all'attività lavorativa svolta.

La tutela della salute dei lavoratori oltre ad essere un obbligo legislativo risulta essere un fattore strategico fondamentale per le aziende sia in ottica di continuità e garanzia per l'organizzazione stessa e per i propri clienti, ma anche in quanto capace di impattare in modo considerevole sulla produttività e quindi sulla redditività.

Un sistema sicurezza adeguato, la profonda conoscenza delle prescrizioni legislative, una continua attività di prevenzione nonché il coinvolgimento del personale, risultano strumenti irrinunciabili per perseguire l'obiettivo di continuo miglioramento delle condizioni di lavoro e sicurezza.

i-Dent è in grado di affiancare l'Azienda per far fronte a tutte le prescrizioni legislative.

Stesura / modifica del documento di valutazione dei rischi

Il documento valutazione dei rischi, deve essere effettuato da ogni azienda entro tre mesi dall'avvio dell'attività. Tale documento deve contenere una valutazione dettagliata dei rischi presenti negli ambienti di lavoro e deve essere elaborato secondo quanto predisposto dal d.lgs.81/2008.

i-Dent provvede alla redazione del documento di valutazione in affiancamento al datore di lavoro, effettuando l'analisi dei luoghi di lavoro e delle lavorazioni effettuate, al fine di individuare gli eventuali rischi connessi e pianificare gli opportuni adeguamenti.

La redazione del documento di valutazione dei rischi comprende tre diverse analisi

Analisi delle strutture
Una parte del documento prevede la valutazione della struttura e degli ambienti di lavoro

Analisi delle mansioni
Una seconda parte del documento prevede la valutazione delle singole mansioni dei lavoratori, dove verranno evidenziati i problemi legati all'attività svolta.

Analisi della documentazione
La terza parte del documento prevede un analisi della documentazione obbligatoria che deve essere conservata e tenuta presso la sede.

Il nostro sopralluogo

Viene condotto con il supporto di una check-up list che permette l'individuazione dei rischi tipici per il settore sanitario.

Antinfortunistica
A seguito della prima analisi effettuata verranno valutati tutti gli aspetti legati all'antinfortunistica (necessità di formazione/informazione, dispositivi di protezione, ecc) Verrà effettuata una valutazione sul sistema antincendio (estintori, idranti, cartellonistica, luci di emergenza, cassetta di primo soccorso,...)

Igiene e ambiente del lavoro
Verranno valutati eventuali problemi riscontrati negli ambienti lavoro.

Valutazione rischio incendio

Il datore di lavoro dell'azienda deve effettuare la valutazione del rischio incendio al fine di adottare i provvedimenti necessari per salvaguardare la sicurezza dei lavoratori e delle persone presenti nel luogo di lavoro. Tali provvedimenti devono comprendere la prevenzione dei rischi, l'informazione/formazione dei lavoratori e le misure tecnologiche da porre in atto.

I-Dent provvede ad effettuare la Valutazione Rischio Incendio in conformità ai criteri di cui all'allegato I del D.M. 10/03/1998, comprendente la classificazione del livello di rischio incendio dei luoghi di lavoro in una delle tre categorie previste (elevato - medio - basso).

Piano di emergenza

Il piano di emergenza, il cui obbligo di elaborazione a cura del datore di lavoro è previsto dal D.Lgs.81/2008, ha l'obiettivo di affrontare in anticipo le situazioni di rischio e consentire al personale (e/o gli eventuali visitatori presenti) di abbandonare con tempestività il luogo di lavoro o la zona pericolosa.

Il piano di emergenza deve contenere le procedure, identificate in base alla valutazione preliminare dei rischi, da applicare ai vari tipi di emergenze ipotizzabili nella struttura, oltre che precisare i compiti del responsabile della sicurezza e di tutti gli addetti con incarichi specifici.

Valutazione dei rischi per lavoratrici Gestanti e Puerpere

La legislazione italiana tutela esplicitamente le lavoratrici madri, a partire dallʼArt.37 della Costituzione che riconosce alla donna gli stessi diritti e le stesse retribuzioni dovute agli uomini e garantisce alla lavoratrice "condizioni di lavoro che assicurino alla madre ed al bambino una speciale ed adeguata protezione".

La disciplina speciale relativa alla tutela delle lavoratrici madri è costituita dal D. Lgs. 26.03.2001 n° 151, Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità.

A tale scopo I-Dent esegue una valutazione dei rischi specifici per la salute e la sicurezza delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento fino a sette mesi dopo il parto, in particolare i rischi di esposizione ad agenti fisici, chimici o biologici, processi o condizioni di lavoro.

Valutazione del rischio chimico

Il D.Lgs. 81/2008 (che ha abrogato il D.Lgs 25 del 02/02/2002) prevede che nelle attività con presenza di agenti chimici, sostanze, prodotti (in forma di fumi, gas e polveri), il datore di lavoro debba effettuare la valutazione rischio chimico che va ad integrare la valutazione generale dei rischi.

i-Dent provvede ad effettuare la Valutazione Rischio Chimico in conformità ai criteri dell'art.223 del D.Lgs. 81/2008.

Protocollo Sanitario

i-Dent è in grado di supportare il cliente nella scelta del medico competente e nella collaborazione con lo stesso per la definizione del protocollo sanitario.

Assunzione incarico esterno di Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione RSPP

L'assunzione dell'incarico esterno di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, da parte di un consulente i-Dent, dota l'organizzazione di una risorsa flessibile ed altamente qualificata in grado, di gestire:

  • i rapporti con gli enti di controllo
  • aggiornare il documento di valutazione dei rischi e gli altri documenti inerenti la gestione della sicurezza
  • coordinarsi con le attività svolte dal medico competente relativamente al piano sanitario ed ai sopralluoghi previsti
  • gestire le riunioni periodiche di sicurezza con il datore di lavoro, il Rappresentante dei lavoratori e il medico competente
  • curare l'aggiornamento normativo/legislativo
  • fornire un servizio di assistenza telefonica all'azienda per le problematiche inerenti la sicurezza.
  • Consultazione sistematica in caso di acquisti di nuovo materiale le cui caratteristiche influiscano sulla sicurezza, igiene ed ergonomia

Gestione e mantenimento del sistema sicurezza

A fronte dell'implementazione di un sistema sicurezza coerente e conforme alla normativa / legislazione vigente, la i-Dent si propone quale supporto all'azienda affiancando l'R.S.P.P. nella conduzione del sistema e nelle attività di revisione / aggiornamento / miglioramento dei documenti, oltre che supporto nella consulenza legale extragiudiziale per eventi derivanti da eventuali violazioni delle disposizioni sulla sicurezza sul luogo del lavoro.

D.U.V.R.I. (Documento di valutazione del rischio da interferenze) ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs 81/08

La normativa vigente stabilisce che le imprese committenti (ad esempio imprese di pulizie) hanno lʼobbligo di predisporre, prima dellʼinizio di lavori in appalto, il documento di valutazione del rischio da interferenze da allegare al contratto di appalto.

Il Documento di valutazione del rischio da interferenze viene redatto per conto del datore di lavoro con dell'Impresa Commitente, in riferimento al singolo appalto, ai sensi dellʼart. 26 del D. Lgs 81/08.

Il servizio tecnico in applicazione della normativa in oggetto risulta strutturato nel seguente modo:

  • Valutazione delle caratteristiche aziendali del Committente e dellʼimpresa appaltatrice;
  • Sopralluogo presso la sede aziendale del Committente e valutazione della situazione dell'appalto previsto con analisi delle opere da realizzarvi;
  • Acquisizione anagrafica Committente e impresa appaltatrice e organigramma funzionale per la sicurezza e la prevenzione degli infortuni;
  • Assistenza alla acquisizione di tutte le informazioni e/o documentazioni che lʼappaltatore deve fornire (a titolo esemplificativo: Certificato di iscrizione alla Camera di Commercio, Posizione INPS e INAIL con relativi DURC, Libro matricola , Registro infortuni, etc....);
  • Individuazione dei rischi da interferenza e degli eventuali soggetti esposti ai rischi dovuti all'attività dell'appalto con i relativi livelli di esposizione;
  • Verifica della adeguatezza delle attrezzature in uso e delle misure di sicurezza esistenti ovvero individuazione di eventuali ulteriori provvedimenti e misure necessari ad eliminare o ridurre i rischi residui;
  • Redazione del documento di valutazione dei rischi da interferenze.